AuroraBoreale
Recensione Film: 3 days to kill

Recensione Film: 3 days to kill

3-days-to-killFilm del 2014
Diretto da McG
Genere: azione, thriller, drammatico
Durata: 117 minuti
Con:
Kevin Costner: Ethan Renner
Hailee Steinfeld: Zoey Renner
Amber Heard: Vivi Delay
Connie Nielsen: Christine Renner
Richard Sammel: The Wolf
Trama parzialmente tratta da Wikipedia : L’agente dei Servizi Segreti Ethan Runner, vicino ai 60 anni, a causa di **** decide di ritirarsi dal lavoro per rimediare ai propri errori e recuperare il suo rapporto con la famiglia, troncato nella necessità di proteggerla dai pericoli del mestiere. Ma un agente segreto gli offre accesso a un’ultima missione: catturare un terrorista. Ethan è costretto ad accettare. Ma alle complicazioni più che mai ovvie dell’incarico assegnato si addizionano le comuni seccature del genitore medio, continuamente assediato dai problemi nel gestire i figli adolescenti.

Commento: Ho voluto guardare questo film per rivedere il caro “vecchio” Kevin Costner e, da questo punto di vista, lui non delude. Il film invece, sceneggiato da Luc Besson, è quantomeno improbabile, sconclusionato, assurdo e confuso anche per quello che riguarda il genere in cui farlo rientrare. A tratti sembrerebbe comico, poi drammatico, poi d’azione, ma alla fine non coinvolge in nessuna variante. Per non parlare della trama spionistica davvero inesistente e quasi solo escamotage per le scene d’azione. Per non parlare del personaggio di Vivi Delay (Amber Heard): agente Cia diventa di colpo femme fatale fetish… mah, va beh. In sostanza un film che si può tranquillamente evitare, mi spiace per Kevin.
Voto: 5 Ma per piacere…

che dormita 5

ShareShare on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Email this to someonePrint this page

Leave us a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *