AuroraBoreale
Recensione Film: Carnage

Recensione Film: Carnage

 

Film del 2011
Diretto da Roman Polanski
Con:

Jodie Foster: Penelope Longstreet
Kate Winslet: Nancy Cowan
Christoph Waltz: Alan Cowan
John C. Reilly: Michael Longstreet
Genere: Drammatico

Trama parzialmente tratta da Wikipedia: In una lite al parco, un ragazzino di 11 anni colpisce un coetaneo al volto con un bastone. I genitori, due coppie di Brooklyn, decidono di incontrarsi per discutere del fatto e risolvere la cosa da persone civili. Ed è in quell’appartamento che si svolge l’intero film. I coniugi Longstreet, genitori di Ethan, il bambino vittima dell’aggressione, appaiono in un primo momento come persone cordiali e pacate: il marito Michael è un rappresentante di articoli per la casa, mentre la moglie Penelope è una scrittrice appassionata d’arte. I due ospitano i coniugi Cowan, l’avvocato Alan e l’operatrice finanziaria Nancy: la coppia, soprattutto il marito, appare molto presa dal proprio lavoro, stressata e priva di quell’interesse protettivo verso il figlio che invece viene ampiamente dimostrato dai Longstreet. Gli iniziali convenevoli si trasformano in battibecchi velenosi e il comportamento delle due coppie degenera in situazioni assurde e ridicole…

Commento: Grandissimi attori per un film basato esclusivamente sul dialogo e in cui, in sostanza, si smaschera l’animo umano grazie a piccoli incidenti (Kate Winslet che rimette su un libro di arte) e all’alcol. L’umanità vive e sopravvive con le sue falsità ed ipocrisie grazie alle convenzioni, alle regole e all’educazione ma basta davvero poco per dimostrare che sotto un’apparente civiltà ognuno è preda del proprio egoismo, convinzioni e istinto di sopravvivenza. Comunque se il tema è interessante e gli attori molto bravi, onestamente non mi ha detto molto, non mi ha coinvolto più di tanto e l’unica cosa interessante è che il film dura relativamente poco, per fortuna… Non mi è piaciuto, in pratica.

Voto: 6 Si ma, dunque?

si puo vedere distrattamente - 6

ShareShare on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Email this to someonePrint this page

    Leave us a Reply

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *