AuroraBoreale
Recensione Film: Cattivissimo me 2

Recensione Film: Cattivissimo me 2

Film del 2013
Diretto da Pierre Coffin e Chris Renaud
Genere: 3d Cartoon

Trama parzialmente tratta da Wikipedia: La Lega Anti Cattivi (L.A.V., nel film A.V.L.), un’organizzazione che si occupa di crimini mondiali e dello sventare dei piano dei supercattivi, sta indagando sulla misteriosa scomparsa di un laboratorio Top Secret nel Circolo Polare Artico. Nel laboratorio si sperimentava il siero “PX41”, un potente liquido viola capace di trasformare ogni essere vivente in un’arrestabile bestia viola, di cui sono state rinvenute delle tracce al centro commerciale. Per trovare il colpevole, la A.V.L. manda Lucy Wilde (una spia alle prime armi) a catturare Gru perché, essendo un ex cattivo, potrebbe aiutare nelle indagini. Arrivato al quartier generale dell’organizzazione spionistica e dopo aver parlato con il presidente di essa, Gru decide di rifiutare e torna così a casa sua. Sceso nel suo laboratorio sotterraneo, dove ora produce marmellate, Gru incontra il Dr. Nefario che si licenzia perché gli manca fare il cattivo. Quella stessa sera, pensando di non essere più così “mitico”, Gru accetta l’offerta della A.V.L. ed il giorno dopo è già in servizio al centro commerciale con Lucy Wilde…

Commento: Film che dal punto di vista realizzativo è stupefacente, ogni dettaglio è curatissimo. La storia è un po’ deboluccia rispetto al primo capitolo (per me più divertente di questo seguito) e punta molto sui Minion, simpatici e goffi “pupazzetti” che (come dicevo già per il primo film della serie) ricordano da vicino i Rayman Raving Rabbids del gioco omonimo… Un film divertente che fila via leggero e piace a grandi e piccini. Il primo episodio però rimane un gradino sopra. Popcorn e coca-cola!

Voto: 6,5 Ta-da!
Ah però... 6.5 -7.5

ShareShare on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Email this to someonePrint this page

Leave us a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *