AuroraBoreale
Recensione Film: Die Hard – Un buon giorno per morire

Recensione Film: Die Hard – Un buon giorno per morire

Film del 2013
Diretto da John Moore
Genere: Azione
Con:
Bruce Willis: John McClane
Jai Courtney: John “Jack” McClane, Jr.
Cole Hauser: Collins
Sebastian Koch: Yuri Komorov
Yuliya Snigir: Irina Komorov

Trama tratta da Wikipedia: John McClane parte per la Russia con l’obiettivo di tirar fuori di prigione il figlio Jack, che è stato arrestato con l’accusa di omicidio. Durante il suo soggiorno a Mosca, John scopre che dietro l’arresto del figlio si nasconde in realtà un piano criminale: il ragazzo è un agente della CIA, da tre anni sul suolo russo col compito di sventare un possibile attacco terroristico grazie all’aiuto di un ex trafficante di armi e uranio convinto a collaborare con i servizi segreti degli USA. Purtroppo per i due, le autorità locali sono ben poco disponibili al dialogo. Padre e figlio non si parlano da tempo, ma nonostante gli iniziali dissapori, decidono di provare a sistemare le cose, per evitare che in Russia salga al potere un oligarca senza scrupoli e inviso alla diplomazia statunitense.

Commento: Non molto di nuovo sotto il cielo di John McClane: l’uomo giusto nel momento e posto sbagliati! Anche qui (Russia) inseguimenti, esplosioni, sparatorie e l’immancabile “Hippy ya ye…”. Un film di cui, tralasciando la sceneggiatura, la storia e il colpo di scena prevedibile, si può gustare l’insieme senza troppe aspettative. Non si sentiva la mancanza di un altro episodio della saga però è comunque un buon film del genere action e poi Bruce Willis è sempre Bruce Willis.
Voto: 6 Si però… la canottiera dov’è?

si puo vedere distrattamente - 6

ShareShare on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Email this to someonePrint this page

Leave us a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *