AuroraBoreale
Recensione Film: Sully

Recensione Film: Sully

Film del 2016
Diretto da Clint Eastwood
Genere: biografico, drammatico
Durata: 96 minuti
Con:
Tom Hanks: Chesley ‘Sully’ Sullenberger
Aaron Eckhart: Jeffrey ‘Jeff’ Skiles
Laura Linney: Lorraine Sullenberger

Trama parzialmente tratta da Wikipedia: Il comandante Chesley “Sully” Sullenberger è il pilota di un aereo che decolla la mattina del 15 gennaio 2009 dall’aeroporto LaGuardia di New York ed impatta contro uno stormo di uccelli pochi istanti dopo, perdendo così entrambi i motori. A quel punto il pilota tenta di salvare i 155 passeggeri con un disperato ammaraggio sul fiume Hudson e riesce nell’impresa senza provocare vittime. Sully viene acclamato e considerato un eroe dall’opinione pubblica, tuttavia viene posto sotto inchiesta dall’ente aeronautico per non aver seguito il protocollo di volo ed aver messo in grave pericolo l’equipaggio e i passeggeri, e anche l’assicurazione lo accusa di aver causato la distruzione dell’aereo.

Commento: Clint Eastwood dopo “Hereafter”  ci ripropone un fatto realmente accaduto attraverso una ricostruzione digitale degna di nota. Ma quello che sta più a cuore al regista è ovviamente il lato umano della storia: i dubbi, la gioia, la paura del protagonista che suo malgrado viene catapultato al centro dell’attenzione mediatica (tv, giornali, show) e della commissione d’inchiesta che chiede contro dell’operato fuori dai protocolli standard di emergenza durante i voli. E’ un eroe o un incosciente? Un bel ritratto reso bene da un imbiancato Tom Hanks, un bel film che racconta una cronaca per fortuna finita bene.

Voto: 7.5 Adesso chi è vuol farsi un bel volo?

ShareShare on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Email this to someonePrint this page

Leave us a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *