AuroraBoreale
Recensione Film: Upside down

Recensione Film: Upside down

Film del 2012
Genere: Fantascienza / Romantico
Diretto da Juan Solanas
Con:
Kirsten Dunst: Eden
Jim Sturgess: Adam

Trama parzialmente tratta (ed elaborata) da Wikipedia : La storia si apre con la voce narrante di Adam, il protagonista, che descrive il suo mondo, reso unico dalla doppia gravità. Tale peculiarità è dovuta all’esistenza di due “Mondi”, piccoli pianeti che vivono l’uno accanto all’altro.

In questo mondo esistono tre fondamentali regole delle gravità:
1) Tutta la materia è attratta dal centro di gravità del pianeta da cui proviene, non l’altro.
2) In virtù della prima regola, il peso di un oggetto può essere controbilanciato con la materia del mondo opposto (“materia inversa”).
3) Dopo un variabile, ma solitamente breve, lasso di tempo, la materia a contatto con quella inversa dà origine alla combustione.

Il Mondo di Sopra è un pianeta ricco e prospero, che vende al Mondo di Sotto, meno che benestante, la propria elettricità in cambio di petrolio. Passare da un mondo all’altro è severamente vietato e l’unico, quanto lecito, punto di contatto – ma non di transizione – è la società “TransWorld”, creata e controllata dal Mondo di Sopra.

Nel pianeta di sotto vive Adam, in quello di sopra Eden. In una zona proibita, dove i mondi collimano, i due ragazzini s’incontrano e s’innamorano… Riuscirà l’amore a superare le regole della fisica?

Commento: Idea di partenza interessante, svolgimento così così, finale pessimo. Peccato perché atmosfera e ambientazione sono vivide ed interessanti ma, se la storia d’amore che regge il film ci può stare, l’insieme di leggi fisiche e soluzioni per superarle mi sembrano un’enorme vaccata. Per non parlare del finale che è davvero una fantozziana ca*ata pazzesca!
Voto: 5 Si può (e si deve) dare di più

che dormita 5

ShareShare on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Email this to someonePrint this page

    Leave us a Reply

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *