AuroraBoreale
Recensione fumetti: La Torre Nera – La nascita del pistolero (1 di 4)

Recensione fumetti: La Torre Nera – La nascita del pistolero (1 di 4)

Ho comperato il primo dei quattro albi dedicati alla Torre Nera di Stephen King editi in Italia da Panini su licenza Marvel (costa 3 Euro e ho fatto piuttosto fatica a recuperarlo in edicola).

Il fumetto opera di Peter David e Robin Furth (per la storia) e Jae Lee e Richard Isanove per i disegni, racchiude in ogni albo 2 numeri usciti negli States in due mesi successivi: in Italia avremo quindi 4 uscite bimestrali invece di 8 mensili.

All’interno del fumetto c’è anche una lettera di King che spiega quanto ami il mondo dei comics. C’è pure una frase di King che mi lascia un po’ perplesso: in pratica dice che quando vende i diritti dei suoi romanzi per film o telefilm a lui non importa se viene fuori della “robaccia”. Il lettore può tornare al libro originale per gustarsi l’opera “degna” di chiamarsi tale.
Sarà. Ma intanto io come fan mi aspetto invece che l’autore si curi di ogni propria “creatura” in ogni forma data al pubblico come fosse un figlio invece di prostituirla così malamente. Stop. Ritorno al fumetto.

I disegni sono ben fatti (forse al computer visti i fondali e le sfumature, ma comunque davvero di ottima fattura, a mio avviso) e rispecchiano fedelmente il mondo dark, sanguinolento di Gilead ed i suoi personaggi ruvidi e romantici. Devo dire che nella mia immaginazione i luoghi e le sensazioni vissute nei romanzi si ritrovano in questa storia illustrata. I testi sono in linea con i romanzi di King, quindi per chi conosce la Torre Nera, ci si ritrova subito a casa*. 

Il fumetto narra di Roland di Gilead e (per ora) dell’antefatto letti nel primo romanzo (se ben ricordo…). In realtà parte esattamente come l’esalogia nel deserto con l’Uomo in Nero che fugge… Si parla della nascita del pistolero e quindi di Cort, Cuthbert, Alain, Martin, Gabrielle, Susan Delgado, Rhea, le sfere… Come ? Non vi dice nulla?

In questo caso vuol dire che non avete letto nessuno dei libri con il Re Rosso ed i Vettori, l’Orso e la Tartaruga… e questo direi che è il limite di questo fumetto: a chi conosce a priori i personaggi e la storia tutto torna “in automatico”; a chi invece è all’oscuro e li scopre per la prima volta, secondo me, non capirà molto di quello che succede.

Ci sono molti (troppi) riferimenti ai libri e la storia a vignette mi sembra un “bigino” di quella stampata nero su bianco. Io ho letto i libri ma, mettendomi nei panni di un “curioso” lettore di fumetti che non conosce l’opera letteraria da cui è tratto il fumetto, ritengo che si ritroverà con una sequenza di personaggi e situazioni troppo ravvicinate tra loro e piuttosto confuse, tra l’altro.

Per chiudere, in sostanza, un bel fumetto dal punto di vista “visivo” ma consigliato a chi ha letto la Torre Nera, altrimenti ci capirà davvero poco. C’è dentro di tutto e di più.
Il libro era un bel brodo, il fumetto è un dado: concentrato.

*: Per la verità io ho memoria breve in fatto di romanzi. Letti me li dimentico… Le saghe sono una difficoltà per me in tal senso… quindi il mio giudizio su questa saga è molto parziale perchè ne ricordo un decimo…anche se, leggendo il fumetto mi ritornano in mente gli eventi della trama, mentre sento scricchiolare ingranaggi dietro gli occhi e tra le orecchie. 🙂

Voto: 6.5 per i fan della Torre e di King , 5 per tutti gli altri.

Ciao, J

ShareShare on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Email this to someonePrint this page
  • Gianluca 30 ottobre 2007 at 14:58|Rispondi

    Sono un grande appassionato della saga della “Torre Nera” e attendevo con trepidazione l’arrivo in Italia dei fumetti. Purtroppo ho perso il primo volume, ma il secondo e il terzo li ho presi!
    Alla fine, nn aggiunge e nn toglie nulla alla storia, in quanto racconta di fatti già ampiamente letti nel 4° libro (la sfera del buio), ma i disegni sono spettacolari.
    Il bello di questi album sta nel fatto ke, a corredo del fumetto, sono racontate storie ed aneddoti ke chiariscono l’origine del Medio-Mondo e della Torre Nera. Infatti il contesto sul Mondo di Roland è abbastanza oscuro.
    Spero in una serie Tv (ma di quelle fatte bene, alla Lost per intendersi), perchè i libri sono talmente voluminosi da nn poter essere racchiuso se nn in 4-5 film di almeno 2,5 ore!!!
    Un prodotto diverso nn rispecchierebbe la grandezza della saga!!

    Felici giorni e piacevoli notti, pistolero.

  • Palestrione 13 aprile 2009 at 22:58|Rispondi

    Ho finito ieri di leggere “La sfera del buio” e giovedì prenderò il quinto romanzo. Quando avrò finito la saga leggerò i fumetti della “Torre Nera”, ammesso che riesca a trovarli in edicola. E’ difficile non appassionarsi ai libri di Stephen King. E’ un grandissimo. In tutti i sensi. E’ commerciale, è vero, però è avvincente e sa narrare. Non è un dono che hanno tutti.

Leave us a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *