Pages Menu
RssFacebook
Menu

Pubblicato il 10 Dic, 2013 in Azione, Cinema, Drammatico, Fantascienza, Thriller | 0 commenti

Recensione Film: Elysium

Tag: | | | | | | |

Film del 2013
Diretto da Neill Blomkamp
Genere: Fantascienza
Con:
Matt Damon: Max Da Costa
Jodie Foster: Jessica Delacourt
Alice Braga: Frey Santiago
Sharlto Copley: Agente C.M. Kruger
William Fichtner: John Carlyle

Trama parzialmente tratta da Wikipedia : Nel 2154, l’umanità risulta divisa in due caste: pochi eletti, ricchi, che vivono su una grossa stazione spaziale orbitante immediatamente intorno alla Terra chiamata Elysium, e i poveri, che vivono sul pianeta Terra, ormai sovrappopolato, malsano e poco abitabile perché in stato di forte degrado. Il protagonista, Max Da Costa, è un giovane operaio ed ex ladro d’auto pregiudicato che vive e lavora sulla Terra, nella principale ditta produttrice di robot del pianeta. Un giorno, a causa di un incidente in fabbrica, Max rimane esposto a una enorme dose di radiazioni gamma. L’unica speranza che rimane a Max è raggiungere in fretta Elysium…

Commento: Matt Damon è eccezionale nel saper coprire ruoli in film di genere completamente diversi tra loro: drammatico, commedia, fantascienza, azione… lui è sempre in parte. Il film è interessante, ben caratterizzato da effetti speciali e luoghi verosimili. Si vede la mano del regista, infatti la Los Angeles del 2154 ricorda da molto vicino la Johannesburg di “District 9”: degradata, malsana, violenta. La storia è avvincente anche se prevedibile. Eccede a mio avviso di effetti splatter e violenza e manca di una nemesi degna del protagonista: Jodie Foster si vede poco, ha poche battute ed è relegata su Elysium quando sarebeb stato interessante vederla “punita” sulla terra. Kruger è una sorte di Joker/Terminator che è molto fine a sé stesso e, a mio avviso, ha poco senso nella storia. In sostanza un film con tantissime potenzialità ma espresse solo superficialmente. La stessa Elysium ci viene solo suggerita ed è un peccato perchè vedere un po’ più di paradiso avrebbe fatto piacere. Le tematiche sono valide e le metafore, riferite alla nostra società, chiare ma, ripeto, manca di quel qualcosa che lo inserirebbe a ragione tra i film da ricordarsi per gli anni a venire. Matrix (il primo) ha insegnato in questo: tanta ciccia. 🙂

Voto: 7 Un po’ sprecato.

Ah però... 6.5 -7.5

Tag: | | | | | | |

Pubblica un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza cliccare su "Accetta" non permetti il loro utilizzo. In questo momento i cookies sono disabilitati. Per la Privacy Policy vedi qui - Qui: Cookie Policy - Per attivare i cookies clicca sul pulsante "Accetto" maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza cliccare su "Accetta" non permetti il loro utilizzo. In questo momento i cookies sono disabilitati. Per la Privacy Policy vedi qui - Qui: Cookie Policy - Per attivare i cookies clicca sul pulsante "Accetto"

Chiudi