Pages Menu
RssFacebook
Menu

Pubblicato il 21 Ott, 2009 in Cinema, Commedia, Fantastico | 0 commenti

Recensione Film: Una notte al museo 2 – La fuga

Tag: | | | | | | |

Commedia del 2009 con Ben Stiller, Amy Adams, Hank Azaria, Robin Williams, Owen Wilson e Ricky Gervais sequel del capitolo uscito nel 2006.
Ci riporta di nuovo alla vita di Larry Daley, divenuto imprenditore-inventore dopo aver lasciato il lavoro di guardiano notturno del Museo di Storia Naturale di New York.
Nei pochi attimi in cui il nostro riesce a staccarsi dal cellulare scopre che i personaggi storici che “tornano in vita” al Museo stanno per essere trasferiti e archiviati nei sotterranei dello Smithsonian a Washington. Tenta di fermare la cosa ma non vi riesce e dopo aver salutato Roosevelt (Robin Williams) torna a casa dal figlio. Nella notte però, il piccolo Jedediah (Owen Wilson) lo chiama da Washington dicendogli che il temibile faraone Kahmunrah tiene in ostaggio i nuovi arrivati e vuole impadronirsi del mondo risvegliando il proprio esercito. Il faraone assolda a questo scopo anche Ivan il Terribile, Napoleone ed Al Capone.
Larry corre a Washington e con ingegno riesce ad entrare negli archivi del museo ove incontra la rediviva e avventurosa Amelia Earhart (Amy Adams) che si prodiga nel soccorrerlo.

Riusciranno i nostri a fermare il piano del diabolico faraone? Aiutati da Abe Lincoln, Einstein e altri ameni personaggi il finale è fuori discussione 🙂

Ero piuttosto scettico davanti a questo sequel ma devo dire che mantiene ciò che promette: una storia semplice e scorrevole con alcune trovate divertenti, un discreto successore del primo capitolo senza infamia e senza lode. E’ un film che definerei “per bambini” poichè i cattivi sono piuttosto stupidi e caricaturali e tutta la storia è un pretesto per mostrare un po’ di storia storpiandola e rendendola più digeribile e anche per fare ancora un po’ di soldi, chissà. Molto bravo Hank Azaria nei panni del faraone: un attore poco noto da noi ma, famosissimo in patria, soprattutto per le doti vocali che ne fanno un doppiatore bravissimo (è una moltitudine di voci nei Simpson, ad esempio) e forse ve lo ricordate come David, lo spasimante che rischia di far saltare il matrimonio di Phoebe in Friends .

In sostanza questo è un film che si può vedere sgranocchiando vivacemente popcorn e bevendo un bel bicchiere di coca-cola fresca, in spensieratezza.

Voto: 6.5 Quasi Frizzante

Tag: | | | | | | |

0 Commenti

Trackbacks/Pingbacks

  1. RECENSIONI FILM | Aurora Boreale - [...] Una notte al museo 2 – La fuga [...]

Pubblica un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza cliccare su "Accetta" non permetti il loro utilizzo. In questo momento i cookies sono disabilitati. Per la Privacy Policy vedi qui - Qui: Cookie Policy - Per attivare i cookies clicca sul pulsante "Accetto" maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza cliccare su "Accetta" non permetti il loro utilizzo. In questo momento i cookies sono disabilitati. Per la Privacy Policy vedi qui - Qui: Cookie Policy - Per attivare i cookies clicca sul pulsante "Accetto"

Chiudi