Pages Menu
RssFacebook
Menu

Pubblicato il 1 Lug, 2010 in Libri | 0 commenti

Recensione Libri: “Il simbolo perduto” di Dan Brown

Tag: | | | | |

Libro del 2009 di Dan Brown.

Ecco la trama tratta da Wikipedia da me leggermente “epurata” di particolari.

La nuova avventura di Robert Langdon, protagonista de “Il codice da Vinci” e di “Angeli e Demoni”, si svolge a Washington. Al centro dell’intrigo questa volta troviamo la Massoneria e il ruolo che questa ha avuto nella storia degli Stati Uniti. La corsa contro il tempo di Langdon è questa volta teso alla decifrazione di simboli massonici di cui la città capitale è pervasa.
Inizia tutto una mattina, quando Robert Langdon riceve una telefonata dall’assistente del professor Solomon, suo caro amico, che gli chiede di recarsi in Campidoglio a Washington per una conferenza sulla Massoneria.Ma il segretario è in realtà un falso massone, che necessita dell’aiuto di Robert Langdon per appropriarsi del significato degli Antichi Misteri e dell’enorme potere che possono procurare.

Parto dai pregi: il racconto è scorrevole e avvincente. Il personaggio, per chi ha letto i precedenti romanzi – e magari visto i film – è già noto e quindi l’empatia è assicurata. Le notizie storiche (false, stravolte o rimaneggiate per convenienza, chissà) sono interessanti; l’illustrazione di tutto il simbolismo di Washington è affascinante e la decifrazione è al solito divertente anche se, forse, sempre troppo semplice per i protagonisti del racconto.

Punti dolenti del romanzo son a mio avviso invece: la struttura narrativa pressocchè identica ai due romanzi di cui sopra (cambiano in pratica luoghi, personaggi ed enigmi); un punto debole in un punto nodale del racconto (la prigione in Turchia e cosa succede a Zach Solomon: non mi ha convinto e avevo da dubitare…); l’epilogo del cattivo troppo fantasy, scollata rispetto alla narrazione semi-scientifica del libro. L’inizio è molto simile al “Codice da Vinci” (vedi l’indizio delll’uomo  nel Louvre e qui la mano di Solomon) e manca un vero colpo di scena (quello ipotetico è per me ultra-telefonato).

Peccato perché la ricerca delle soluzioni e i dettagli massonici sono davvero interessanti.
Purtroppo l’autore copia sé stesso e rifà un po’ il verso a racconti come quello del film con Nicolas Cage “Il mistero dei templari”.

In sostanza un libro facile da leggere ma con un finale un po’ “troppo” new-age per i miei gusti

Voto: 7 Scorrevole ma poco originale

Ciao, J

Tag: | | | | |

0 Commenti

Trackbacks/Pingbacks

  1. Recensione Libri: “Il simbolo perduto” di Dan Brown « Aurora Boreale - [...] Guarda Originale: Recensione Libri: “Il simbolo perduto” di Dan Brown « Aurora Boreale [...]

Pubblica un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza cliccare su "Accetta" non permetti il loro utilizzo. In questo momento i cookies sono disabilitati. Per la Privacy Policy vedi qui - Qui: Cookie Policy - Per attivare i cookies clicca sul pulsante "Accetto" maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza cliccare su "Accetta" non permetti il loro utilizzo. In questo momento i cookies sono disabilitati. Per la Privacy Policy vedi qui - Qui: Cookie Policy - Per attivare i cookies clicca sul pulsante "Accetto"

Chiudi