AuroraBoreale

Film, Libri, Viaggi e Pinup

Steve Carell

Cinema

Recensione Film vari

Un post con alcune recensioni “striminzite” causa mancanza di tempo.

Thor Genere: Fantastico
Bello sia il contesto scenografico che l’attore (come mi fanno notare le donzelle in visibilio di tutti quegli addominali) ma il film a mio avviso, pur con la regia di Kenneth Branagh, non è sorretto da una storia molto forte: esile sceneggiatura e nemesi del Dio del Tuono insignificante.

Voto: 6 Non si sente il tuono
________________________________________

Tre all’improvviso Genere: Commedia romantica
Commedia con il finale incorporato già nel titolo ma, seppur prevedibile, abbastanza scorrevole da potersi vedere.

Voto: 6 Senza troppo impegno

________________________________________

Un perfetto gentiluomo Genere: Commedia / Surreale
Tutto giocato sulla bravura di Kevin Kline il film alla fine non porta a nulla pur avendo qualche spunto interessante, la verve di un bravo attore e certe idee surreali interessanti.… - Continua a leggere

Azione Cinema Commedia

Recensione Film: Notte folle a Manhattan

Film del 2010 diretto da Shawn Levy (“Una notte al Museo 1 & 2”) ed interpretato da Steve Carell (Phil Foster) (“Little Miss Sunshine”, “Una settimana da Dio” e “Un’impresa da Dio”), Tina Fey (Claire Foster)(famosa soprattutto per l’imitazione al “Saturday Night Live” di Sarah Palin), James Franco (“Spiderman”), Mila Kunis (“That 70’s Show”), Mark Walhberg (“Departed”, “Planet of the apes”) e Ray Liotta (“Quei bravi ragazzi”).

Phil e Claire Foster sono due coniugi newyorkesi – con prole – annoiati dal menage familiare. Una sera decidono di concedersi una serata a due in un noto quanto snob ristorante del centro. Subito è chiaro che i due, senza prenotazione, non riescano a sedersi a tavola ma, Phil che vuole fare qualcosa di speciale per la moglie, finge che la coppia si chiami Tripplehorn (due sbandati interpretati da Mila Kunis e James Franco) in modo da sfruttare una prenotazione “saltata”.… - Continua a leggere

Cinema Commedia

Recensione Film : Un’impresa da Dio

Nel 2007 il regista Tom Shadyac (affezionato a Jim Carrey) sulla falsariga della “Settimana da Dio” ripropone Morgan Freeman nei panni del Creatore e Steve Carrell (visto in “Little Miss Sunhine e nei stessi panni del personaggio qui riproposto) in quelli di Evan Baxter, ex-giornalista eletto nel Congresso degli Stati Uniti d’America.
Proprio la sera prima dell’incarico il nostro chiede a Dio di dargli l’opportunità di poter cambiare il mondo, e il Signore gliela concede inviandogli i pezzi e gli arnesi per costruire un’arca come quella del Diluvio Universale ai tempi di Noè.
Da qui scaturiscono gli immancabili equivoci e gli sketches legati alla “follia” mistica del protagonista e gli effetti collaterali che ricadono sul lavoro e la famiglia.… - Continua a leggere

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza cliccare su "Accetta" non permetti il loro utilizzo. In questo momento i cookies sono disabilitati. Per la <a href="https://www.auroraboreale.com/privacy-policy/">Privacy Policy</a> vedi qui - Qui: <a href="https://www.auroraboreale.com/cookie-policy/">Cookie Policy</a> - Per attivare i cookies clicca sul pulsante "Accetto" maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza cliccare su "Accetta" non permetti il loro utilizzo. In questo momento i cookies sono disabilitati. Per la Privacy Policy vedi qui - Qui: Cookie Policy - Per attivare i cookies clicca sul pulsante "Accetto"

Chiudi